Testimonianza di Roberta C. – Pg

Non c’è niente di più bello e prezioso che vivere e raccontare le benedizioni del Signore; posso veramente affermare che Lui ha fatto cose meravigliose nella mia vita. Quando mio marito si è arre-so a Dio, io ero infastidita e con-trariata; non volevo assolutamen-te essere coinvolta in questa “cosa” sebbene riscontrassi essere verità quello che mi veniva annun-ciato. Con amore, mio marito ha sempre pregato per me.

Per farlo contento, qualche volta andavo in chiesa con lui e, ogni volta, ero toccata profondamente e non riuscivo a smettere di piangere dal primo cantico fino all’ultimo a-men. Quando tornavo a casa, ero sempre la stessa; ritornavano le mie convinzioni. Lo Spirito Santo continuava, però, a parlare al mio cuore e mi faceva riflettere sulla Parola ascoltata. Il Signore mi ha trasformato la mente e il cuore giorno dopo giorno. Ho sentito l’enorme peso dei miei peccati e ho implorato Gesù di perdonarmi e di cambiarmi.
Con molta semplicità mi rivolgevo a Lui non sapendo bene cosa fos-se corretto chiederGli, ma vi assi-curo che Lui ha ascoltato ogni mia parola e, quella pace che sopra-vanza ogni intelligenza è entrata nel mio cuore. Non so spiegarlo bene, ma da quel momento ho incominciato ad avere la certezza che il Signore era nella mia vita e l’ho incominciato a sperimentare nella quotidianità, sorprendendo-mi ogni giorno di come risponde-va alle mie preghiere.
Mi piacerebbe raccontarvi tutte le meraviglie che la Sua grazia mi ha dato, e che mi da continuamente; quando me le raccontavano gli altri, sebbene ne fossi affascinata, per me rimaneva solo un raccon-to, quindi il mio invito per te vuole essere: Venite e vedete quanto è buono il Signore.
Come non ringraziare, inoltre, il Signore per l’onore che mi da di servirlo e di come posso constata-re che più sto vicina a Lui, più lo servo, più scopro quanto è grande il suo amore e la sua grazia perché sono immeritati.

Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *