Estremisti indù feriscono un pastore e poi cercano di tagliargli la gola in ospedale.

(QUESTO E’ UNO DEI TANTI CASI DI PERSECUZIONE CHE AVVENGONO OGNI GIORNO NEL MONDO CONTRO I CRISTIANI. RIPORTIAMO QUESTO ARTICOLO PER INVITARE TUTTI I CRISTIANI A PREGARE PER LA CHIESA PERSEGUITATA E PER RINGRAZIARE DIO DELLA LIBERTA’ DI CUI NOI POSSIAMO GODERE. N.D.R.) .

I Cristiani che vivono nello stato più religiosamente intollerante dell’India testimoniano di un’accresciuta violenza nelle ultime settimane, compreso il tentativo di alcuni estremisti indù che hanno cercato di uccidere, tagliandogli la gola, un pastore, che era ricoverato in ospedale a causa di un attacco subito dagli stessi in precedenza e in cui era rimasto ferito.

Secondo quanto riportato dall’Evangelical Fellowship of India (EFI) nello Stato del Karnataka i cristiani subiscono attacchi dal 2009. I Cristiani o le loro proprietà vengono attaccati in media tre volte alla settimana, ha dichiarato l’avvocato S. Nova Bethania della Christian Legal Association all’agenzia Morning Star News.

“Questi casi non sono stati adeguatamente esaminati, e che i colpevoli non sono stati né indagati e né rintracciati”, ha detto Bethania. ”Questo ha incoraggiato gli autori di questi reati, ad estendere la loro lista di azioni anti-cristiane.”
Nel villaggio di Kannur, nei pressi di Kolar, il pastore Samuel Kim della Jerusalem Prayer House ha detto a Stella Morning News che gli estremisti indù lo hanno picchiato e lasciato svenuto sulla strada l’11 ottobre scorso. È stato ricoverato all’ospedale “RL Jallappa” con una costola rotta, gravi lesioni alla testa e al collo, e lividi sul resto di tutto il corpo.

Alle 4:30 del giorno successivo, gli aggressori sono entrati nel reparto dove si trovava il pastore Kim e hanno cercato di ucciderlo.

“Cinque persone si sono avvicinate al mio letto, e hanno iniziato a strangolarmi e con un rasoio stavano per tagliarmi la gola”, ha riferito il pastore.

Gli aggressori sono fuggiti perché hanno sentito arrivando delle persone.

Ram Niwas Seeat, sovrintendente della polizia di Kolar, ha dato la protezione della polizia per i successivi sette giorni in cui il pastore è rimasto in ospedale. La polizia ha aperto un fascicolo contro gli estremisti, ma nessun arresto è stato effettuato, dopo la fuga degli aggressori.

Per leggere tutto l’articlo in inglese: Hindu extremists follow wounded pastor to hospital, attempt to slit his throat

Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *